Finiture Green

Proteggere e valorizzare la natura del legno

Chiara Dalponte, Marketing Adler
Intervista a: Maurizio Riva. Riva1920
Copyright immagini: Marco Bello

Linee essenziali e armoniche si fondono e arredano su misura gli spazi in modo funzionale e sobrio a partire dalla cucina, cuore pulsante della casa in cui ci si ritrova per piacevoli momenti conviviali, passando poi per l’area living e quella bagno impreziosite dal tocco ricercato delle Briccole di Venezia, legno di riuso proveniente dai pali dismessi della laguna veneta, sino ad arrivare all’area notte che vanta una spaziosa e articolata cabina armadio realizzata in legno di cedro del Libano, dalla fragranza inebriante per contenere e custodire i capi.

ARREDI UNICI PER PERSONE RAFFINATE

Tra i tanti motti di Riva 1920, nota azienda brianzola produttrice di mobili, sicuramente uno dei più eloquenti è “Non ci sono limiti alle vostre esigenze di arredo”. Così il committente di questo nuovo attico, alla ricerca di un arredamento unico e personalizzato, non ha avuto dubbi quando è arrivato il momento di scegliere a chi affidarsi per gli arredi interni. In particolare, il desiderio del committente era quello di ricreare un ambiente abitativo in stile moderno e particolare, in cui potesse essere avvolto dal profumo di legno e di natura. Questo è stato il filo rosso, la motivazione centrale, che ha guidato Riva 1920 e il suo cliente nella scelta dei mobili. “Arredi unici per persone raffinate”, è così che Maurizio Riva, amministratore delegato e titolare di Riva 1920, definisce i manufatti prodotti nei suoi stabilimenti. Ciò che salta all’occhio immediatamente osservando le immagini degli ambienti di questo nuovo attico, è senz’altro il bilanciamento armonico e allo stesso tempo originale tra la luce, il bianco e il legno, un equilibrio visivo che è diventato un marchio di fabbrica dell’azienda comense.

MADE IN ITALY

Riva 1920 è un’azienda italiana che da oltre 100 anni produce mobili di design in legno massello a basso impatto ambientale. Negli anni più di 130 famosi architetti e designer come Renzo Piano, Mario Botta, Karim Rashid, Philip Starck, Terry Dwan, Patricia Urquiola hanno disegnato per l’azienda.

Produzione artigianale con legno massello, basso impatto ambientale, flessibilità totale e legni speciali sono i valori e i pilastri che ancora oggi sostengono la produzione e che hanno permesso all’azienda di raggiungere elevati livelli di notorietà e successo nel settore. La filosofia aziendale, che sotto molti punti di vista coincide con quella di Adler, ha fatto sì che le strade di Riva 1920 e di Adler si incrociassero circa 5 anni fa, grazie al supporto del rivenditore specializzato Adler Colorteca.

CERTIFICAZIONI E PERFORMANCE

Fattori certamente decisivi per la scelta dei prodotti Adler, come ci ha detto Maurizio Riva, sono le certificazioni europee e le prestazioni dei prodotti, che garantiscono una qualità eccellente e risultati sempre impeccabili.

Per trattare il tavolo del salotto, ad esempio, in legno massello di noce di riforestazione americano è stato usato l’olio Adler Legno-Öl, che penetra nel legno esaltandone la sua struttura naturale in maniera eccellente e allo stesso tempo fornisce un’ottima resistenza all’acqua. È inoltre un prodotto privo di metalli pesanti, resistente alla saliva e al sudore e adatto al contatto con prodotti alimentari. Con lo stesso prodotto è stata trattata anche la panca su misura Patmos e il suo inserto in legno all’interno del guardaroba.
Qui l’olio per legno di Adler esalta al meglio le sue qualità antistatiche e conferisce al legno una piacevole sensazione al tatto.

La cucina, a sua volta, è realizzata in legno massello e rifinita a mano con soli oli naturali. Tra i prodotti che Riva 1920 utilizza troviamo anche la cera Adler Legno-Wachs, che dona agli elementi in legno trattati un elegante effetto opaco e vellutato.

Ti potrebbero interessare

Trasformare i rifiuti in mattoni da costruzione: storie di innovazione circolare

Trasformare i rifiuti in mattoni da costruzione: storie di innovazione circolare

In un mondo in cui i simboli spesso superano le barriere linguistiche, poche icone sono universalmente riconosciute come il simbolo del riciclaggio: un triangolo con tre frecce disposte in senso…

Nanotecnologie e edilizia: a che punto siamo?

Nanotecnologie e edilizia: a che punto siamo?

Di cosa si parla quando vengono presentati prodotti “nanotecnologici” in edilizia?Cerchiamo di fare un po’ di chiarezza, attraverso un piccolo, non esauriente sondaggio. Da diversi anni ormai, i produttori di…

Il rifugio dello scalatore

Il rifugio dello scalatore

Luca Compri dello studio LCA architetti ha riletto la tipologia della baita trasformandola in uno chalet che ha consumi ridotti e bassissime emissioni sfruttando i materiali tradizionali, quali pietra e…