Finiture Green

Trasformare i rifiuti in mattoni da costruzione: storie di innovazione circolare

Alberto Zancanella

In un mondo in cui i simboli spesso superano le barriere linguistiche, poche icone sono universalmente riconosciute come il simbolo del riciclaggio: un triangolo con tre frecce disposte in senso orario, che simboleggiano l’industria, i consumatori e il riciclaggio. È una testimonianza del nostro impegno condiviso per la sostenibilità, e la storia dietro di esso è altrettanto affascinante.

Ideato nel 1971 da Gary Anderson, un visionario architetto e designer presso l’Università della California del Sud, questo simbolo rappresenta il concetto fondamentale dell’economia circolare: reintegrare materiali considerati rifiuti nel ciclo produttivo. Ora, questo concetto sta rivoluzionando l’industria delle costruzioni, tradizionalmente conosciuta per le sue pratiche ad alto consumo di risorse.
I mattoni, simbolo della costruzione, sono l’avanguardia di questa trasformazione. Non rappresentano solo la costruzione di nuove cose, ma incarnano anche l’essenza della circolarità: il riutilizzo di ciò che viene scartato. Menti creative in tutto il mondo hanno abbracciato questa sfida, trovando modi ingegnosi per trasformare i rifiuti in risorse preziose, ridefinendo il modo in cui costruiamo e abitiamo i nostri spazi. In questo articolo, esamineremo sette iniziative che stanno trasformando i rifiuti in mattoni, ispirando un futuro più sostenibile.

1: RIVOLUZIONE DELLE ALGHE MARINE

Lungo la costa messicana, l’invasiva alga Sargassum è diventata un fastidio che ha influenzato le comunità locali. Tuttavia, il visionario Omar Vázquez Sánchez, fondatore di Blue-Green a Puerto Morelos, ha visto un’opportunità.
Dopo sei anni di dedizione, è riuscito con successo a costruire una casa utilizzando alghe marine mescolate con adobe. Questi Sargablocks si sono dimostrati resistenti alle attività sismiche e agli uragani, offrendo soluzioni abitative accessibili con un notevole riduzione del consumo di risorse. Questa innovazione trasforma un problema ambientale in una risorsa sostenibile.

2: UNA FACCIATA SOSTENIBILE PER UN MUSEO

Il Design Museum Gent in Belgio è oggetto di un restyling sostenibile con innovativi mattoni riciclati. Rottami di cemento e vetro vengono trasformati in mattoni, riducendo drasticamente l’impronta di carbonio rispetto ai mattoni tradizionali. I Gent Waste Bricks sono realizzati con materiali raccolti entro un raggio di cinque miglia e subiscono un processo di cura a basso consumo energetico, assorbendo anidride carbonica nel processo.

3: LA SECONDA VITA DEI RIFIUTI PLASTICI

A Nairobi, Nzambi Matee, un ingegnere keniota, sta guidando una rivoluzione nel riciclo dei rifiuti plastici. La sua start-up, Gjenge Makers, trasforma la plastica gettata via in eco-mattoni altamente resistenti. Questi mattoni sostenibili non solo sono più forti e leggeri del cemento, ma sono anche convenienti dal punto di vista economico e ecologico. Il lavoro di Matee mette in luce il potere trasformativo dell’innovazione sostenibile.

4: LA SOLUZIONE DI PRECIOUS PLASTIC

L’iniziativa olandese Precious Plastic affronta il problema dell’inquinamento da plastica e delle necessità abitative. Questi mattoni riciclati sono prodotti con macchine per il riciclaggio open-source, offrendo un’alternativa conveniente ed ecologicamente sostenibile. La loro adattabilità li rende ideali per vari scopi edilizi, dall’edilizia popolare ai rifugi per situazioni di emergenza.

5: K-BRIQ®: UNA MERAVIGLIA A BASSA EMISSIONE DI CARBONIO

Dal Regno Unito arriva il K-BRIQ®, prodotto da Kenoteq. Questo mattone è realizzato con materiali inerti riciclati, con un’impronta di carbonio inferiore al 5%. Non richiede la tradizionale cottura o il cemento, rendendolo una vera alternativa ecologica. È disponibile in una gamma di colori ed è destinato a ridefinire la costruzione sostenibile.

6: RHINO BRICKS: RIVOLUZIONE DEI RIFIUTI INDUSTRIALI

I Rhino Bricks, ideati da Manish Kothari, sono realizzati con il 75% di polvere da fonderia e il 25% di plastica riciclata, offrendo resistenza e durabilità con una significativa riduzione dell’impatto ambientale. La loro composizione unica consente una produzione rapida e una robustezza strutturale.

7: L’APPROCCIO NON CONVENZIONALE

Il progetto “Building the Local” di Ellie Birkhead nel Regno Unito utilizza materiali non convenzionali, tra cui letame di cavallo, bottiglie di vetro, lana, paglia, residui di cereali e persino capelli umani, per creare mattoni ecologici. Questa iniziativa rivitalizza l’artigianato locale, preservando il patrimonio in un mondo in evoluzione.
Ridefinendo i rifiuti come una risorsa preziosa, l’industria delle costruzioni sta attraversando una rivoluzione ecologica, ispirando pratiche responsabili per un futuro più consapevole. Queste storie di trasformazione ci ricordano che l’innovazione e la sostenibilità possono andare di pari passo, plasmando un futuro migliore per tutti.

Ti potrebbero interessare

Focus su finiture e materiali nel contract design

Focus su finiture e materiali nel contract design

Che il settore dell’arredo sia trainante in Italia è risaputo. Lo dicono anche i numeri dell’Area Studi Mediobanca che prevede nel 2023 una crescita del giro d’affari mondiale dell’arredo attestata…

Di economie circolari, materiali bio-based, pre-loved design e diy

Di economie circolari, materiali bio-based, pre-loved design e diy

Le aziende, gli istituti di ricerca e il mercato si stanno attrezzando per proporre nuove finiture e arredi che siamo meno impattanti sull’ambiente. La scarsità di materie prime, la difficoltà…

Case di riso: la startup che crea valore dagli scarti di produzione

Case di riso: la startup che crea valore dagli scarti di produzione

Forte di un compasso d’oro ricevuto nel 2022 per il prodotto Rh 120, un intonaco per interni costituito miscelando lolla di riso con la calce aerea, Ricehouse ha certamente dato…