Finiture Green

Design raffinato di
qualità sostenibile

Chiara Dalponte – Adler Italia
Introduzione a cura di Patricia Malavolti

Copyright immagini: Boffi

„I rumori del nostro reparto produttivo suonano alle nostre orecchie come una sinfonia di Beethoven“
Roberto Gavazzi, Amministratore Delegato Boffi

Nel 1934 Johann Berghofer apre un negozio di vernici a Schwaz, in Austria, che nel corso degli anni diventerà il produttore di vernici Adler; 400 chilometri più a sud, vicino a Milano, Piero Boffi fonda nello stesso anno una falegnameria di cucine. Oggi, 75 anni dopo, Adler è diventato un marchio di punta per le vernici ecologiche all’acqua e Boffi è considerato uno dei migliori riferimenti quando si parla di cucine di alta gamma. Era quindi solo una questione di tempo prima che le loro strade, due “fratelli nello spirito”, si unissero: da circa 10 anni, le cucine e i mobili del prestigioso marchio con sede a Lentate sul Seveso, sono rifiniti con i rivestimenti dell’azienda austriaca.

Introduzione

Quando si parla di sostenibilità il caso di Boffi è emblematico: è frutto di una evoluzione di oltre un decennio che ha visto un risultato virtuoso di affiancamento di tradizione e innovazione, di tecniche di rivestimento consolidate come la laccatura lucida a poliestere, che richiede una lunga serie di procedimenti anche manuali, e lavorazioni innovative, sperimentate e sviluppate per introdurre in ogni processo materiali e prodotti non nocivi e sostenibili. Non si tratta però di cavalcare le richieste del mercato ma di una esigenza che nasce dai valori aziendali per diventare trasversale a tutte le decisioni di pianificazione, produzione e controllo.
Pur essendo un’azienda che utilizza sistemi produttivi industriali negli anni la sensibilità nei confronti della sostenibilità ambientale, sociale ed economica ha introdotto nei processi di rivestimento prodotti che hanno richiesto adattamenti tecnologici, riuscendo comunque a dare valore ad una delle caratteristiche più apprezzate dal consumatore finale, collezioni dal taglio sartoriale, personalizzabili tramite finiture custom made e formati fuori misura.

Cucine in risalto

Il sistema flessibile di cucine Xila è uno dei punti di forza della gamma Boffi. Progettato da Luigi Massoni nel 1972, Boffi ha continuato a sviluppare questo modello di punta. L’ultimo, presentato alla Milano Design Week nel 2021, convince per il suo design raffinato e minimalista e per i materiali nobili: il legno naturale si unisce al metallo o all’innovativo materiale minerale composito MDi di Inalco in maniera armoniosa. Per non alterare l’aspetto naturale del legno di rovere affumicato e garantire una finitura altamente resistente, l’azienda ha scelto un prodotto di Adler (Bluefin Terra-Diamond): una vernice per mobili di alta qualità, resistente e soprattutto sostenibile con un contenuto di COV estremamente basso, inferiore al 6%.

Superfici perfette

L’eccellente bilancio ecologico di questo prodotto è uno dei motivi per cui Boffi ha scelto questo rivestimento, ma non è l’unico: «La superficie è, per così dire, il biglietto da visita di ogni cucina e determina la prima impressione del cliente, ecco perché prestiamo grande attenzione alla perfetta qualità della superficie: il prodotto scelto per le parti in essenza esalta meravigliosamente le venature del legno, è morbido al tatto e visivamente molto attraente», spiega Roberto Gavazzi, amministratore delegato di Boffi. Le parti verniciate colorate della cucina sono allo stesso modo piacevoli. Per queste, Boffi utilizza una finitura speciale sviluppata specificamente basata sull’efficiente rivestimento all-in-one (Bluefin Pigmores 4in1): oltre al tatto morbido e all’elevata resistenza, Gavazzi apprezza anche la vasta gamma di opzioni di colori. Entrambe le vernici per mobili vengono lavorate da Boffi con un mix equilibrato di processi automatizzati e lavoro manuale: «Gran parte della nostra produzione avviene con macchine automatiche a spruzzo, ma verniciamo anche a mano per versioni speciali o dimensioni eccezionali», afferma Gavazzi.

Partnership di sostenibilità

Qualità di prima classe con standard sostenibili è il motto di Boffi. In Adler, Boffi trova i prodotti perfetti per raggiungere questo obiettivo. Roberto Gavazzi spiega: «Dalla consulenza personale dell’area manager Andrea Arnaldi, il preciso servizio tecnico e l’elevata qualità dei prodotti, fino ad un impegno concreto per la sostenibilità – abbiamo trovato un partner ottimale per le nostre superfici».

Ti potrebbero interessare

Il verniciatore è un consulente

Il verniciatore è un consulente

Il verniciatore è un alleato per il progettista e l’ufficio acquisti per orientarsi nel mondo delle finiture speciali. Affidarsi alla sua esperienza offre un valore aggiunto con ricadute positive sul…

Strumenti di cottura che soddisfano bisogni, gusti e sensi delle persone senza dimenticare l’ambiente

Strumenti di cottura che soddisfano bisogni, gusti e sensi delle persone senza dimenticare l’ambiente

Un argomento molto attuale è la limitazione di sostanze potenzialmente pericolose soprattutto quando si tratta di prodotti che sono a contatto con l’alimentazione umana, come gli strumenti di cottura, oppure…

Vernici in polvere: un valore aggiunto nelle mani dei progettisti

Vernici in polvere: un valore aggiunto nelle mani dei progettisti

L’evocazione di metalli ossidati sulle superfici grazie a differenti tecnologie aggira i limiti dei materiali originari, spesso con migliori prestazioni tecniche e risultati estetici di alto livello. La verniciatura in…