Materiali

Un progetto “aperto” alle sperimentazioni

By 19 Novembre 2021 No Comments

Un progetto “aperto” alle sperimentazioni

Materiali

Lo spirito imprenditoriale e la creatività non sono una prerogativa di alcune aree geografiche. Si può nascere in mezzo agli ulivi, i magnifici, secolari alberi del Salento, e raggiungere livelli di eccellenza nella produzione industriale senza rimanere ancorati alla situazione del momento, ma aperti alle nuove tendenze in atto nel mondo e nella società.

É questa, in sintesi, la realtà di ScaffSystem, azienda con sede a Ostuni, in provincia di Brindisi, che abbiamo visitato grazie a Francesco Monno di Axalta Coating Systems, fornitore di prodotti vernicianti a polvere, e all’accoglienza di Domenico Laviola, export e marketing manager, e di Diego Tanzariello, quarta generazione della famiglia proprietaria, nipote del “mitico” Vincenzo Tamborrino che, nel 1957, allora quasi trentenne, realizzò il primo prototipo di scaffale a bulloni, che diede inizio all’attività tuttora principale dell’azienda, la produzione di scaffalature tecniche per l’organizzazione di magazzini e l’arredo di superfici commerciali.

08

Negli anni novanta l’azienda intraprende un percorso per trasformarsi da azienda artigiana ad azienda industriale, investendo in macchinari automatizzati (investimenti che proseguono anche in questi anni, con macchinari “industria 4.0”), nella struttura commerciale e nella rete vendita, cosa che la lancia sul mercato nazionale e internazionale.

La collaborazione con alcune aziende leader nel campo dell’automazione logistica e del magazzinaggio automatico consente di proporre ai clienti sistemi integrati e strutture in grado di garantire le migliori performance logistiche. Nelle superfici commerciali le soluzioni vengono personalizzate per trovare la migliore, caso per caso, per la logistica e la gestione dei flussi di magazzino.

La svolta

I cambiamenti odierni del mercato hanno spinto la famiglia Tamborrino ad intraprendere un nuovo percorso, fatto di elementi di differenziazione ma anche di recupero di competenze e know-how del passato: è stata presentata al Salone del Mobile di Milano una linea di mobili metallici ispirata ai prodotti della originaria “Officina Tamborrino”, l’azienda fondata dal bisnonno e sviluppata in seguito da Vincenzo. «E’ in questo progetto – ci spiega Annamaria Tamborrino – che è stato prezioso il contributo di Axalta: insieme a Francesco Monno, infatti, in sinergia con Licio (che è un po’ anche il nostro direttore creativo), abbiamo individuato alcuni colori che “ricordassero” quelli del passato ma, nello stesso tempo, rendessero contemporanei questi mobili e pezzi d’arredo e, soprattutto, potessero garantire una superficie gradevole al tatto essendo pensati per l’interior design».

OFFICINE TAMBORRINO

Il nuovo design brand di Scaff System nasce in un’azienda con un’elevata specializzazione nell’ambito della lavorazione della lamiera e dell’acciaio. A partire dalla tradizione del made in Italy, coniuga la continuità di un’impresa familiare con la visione e il dinamismo di chi ha fatto sempre innovazione senza dimenticare la propria identità. I complementi d’arredo di cui è composta la collezione hanno un gusto “vintage” ma rivisitato secondo canoni estetici contemporanei grazie alla collaborazione trasversale con progettisti e creativi provenienti da diverse aree geografiche e culturali. Sono caratterizzati dalla cura per i dettagli e delle finiture: comprendono librerie, cassettiere, lampade, mobili per cucina, accessori per l’ufficio, tutti pensati per far parte di spazi con funzioni “fluide” e caratterizzati dalla commistione di materiali, soprattutto acciaio e legno (anch’esso lavorato internamente).

In produzione

In Scaff System tutto il ciclo produttivo è interno. A partire dal coil, si producono i montanti, con diverse sezioni, dimensioni e altezze, e i ripiani. Tutti gli elementi che costituiscono gli scaffali sono stati progettati dai tecnici dell’ufficio predisposto e costituiscono la “matrice” di ogni modello disponibile, dal semplice scaffale per le attività “leggere” come quelle di uffici e negozi, fino alle grandi strutture dei magazzini automatizzati e per i soppalchi portanti. Normalmente i montanti sono “asolati” con macchine a controllo numerico e taglio laser per consentire la massima flessibilità di montaggio e la perfetta riproducibilità.

L’azienda è dotata di due impianti di verniciatura: il principale che lavora in continuo per la verniciatura dei prodotti industriali ed un secondo, parzialmente manuale, installato recentemente, che è il banco di sperimentazione delle finiture per i prodotti di design. Grazie a questo impianto si fanno sperimentazioni in collaborazione con Axalta sulle nuove finiture e sui nuovi colori. É sempre in questo nuovo impianto che è possibile verniciare le piccole serie e personalizzare su richiesta dei clienti (per esempio nel caso di progetti “contract” o particolari, come la collaborazione con Eataly per l’allestimento del negozio di Bari).

Conclusioni

Scaff System è un’azienda di primo piano nella sua regione (la Puglia), con radici solide e consolidate ma con una coraggiosa predisposizione all’innovazione a partire dalla propria identità. Pur mantenendo la lavorazione della lamiera come caratteristica fondante di tutti i nuovi progetti, all’interno di Officine Tamborrino si sperimentano nuovi materiali e prodotti legati in ogni caso alla tradizione locale, come la seduta No Smoking (designer: Andrea Epifani) costruita con un guscio in cartapesta, tecnica artigianale molto radicata nella tradizione salentina. Il brand è quindi utilizzato per effettuare attività di ricerca su più materiali e diverse tecnologie, alcune molto legate alla tradizione locale; ma è sulle finiture che sono aperti i nuovi progetti, dove il fornitore di vernici in polvere lavora in sinergia: una bella e interessante sfida dove la finitura contribuisce ad accrescere il valore aggiunto del made in Italy.

Leave a Reply

*

Translate »