Finiture

Ricerca e utilizzo di prodotti vernicianti all’acqua nell’arredo di qualità

By 3 Novembre 2021 Novembre 12th, 2021 No Comments

finiture all'acqua per l'arredo

Finiture

Fondata nel 1970, da piccola bottega artigianale specializzata nella produzione di arredi classici a grande industria verticalizzata, Lema ha fatto della qualità e della personalizzazione declinate all’interno di una grande realtà industriale tecnologicamente molto efficiente, l’elemento di riconoscibilità internazionale grazie alla capacità di progettare e produrre sistemi integrati di arredamento, il cui intero ciclo produttivo dall’arrivo delle materie prime all’imballaggio è gestito internamente

Lema è una realtà del mobile made in Italy radicata nell’area produttiva storicamente più rappresentativa e conosciuta al mondo, la Brianza, che ha brillantemente coniugato i caratteri dell’industria con quelli della maestria artigianale, ottenendo un prodotto unico, ricercato e qualitativamente eccellente.

Un’eccellenza dovuta anche alla scelta dell’utilizzo dei prodotti all’acqua per la finitura di tutti i sistemi modulari per la zona giorno e la zona notte, di cui è uno dei principali protagonisti al mondo, scelta fortemente voluta dal presidente Angelo Meroni che ci ha accolto nello storico stabilimento di Alzate Brianza (in provincia di Como) progettato da Angelo Mangiarotti. Oggi Lema non è solo sistemi modulari per la zona giorno e la zona notte, ma il suo catalogo dispone di una gamma completa di arredi sia per la casa che per l’ufficio ed è un partner affidabile nel mondo del contract. Fondata nel 1970, da piccola bottega artigianale specializzata nella produzione di arredi classici a grande industria verticalizzata, Lema ha fatto della qualità e della personalizzazione declinate all’interno di una grande realtà industriale tecnologicamente molto efficiente, l’elemento di riconoscibilità internazionale grazie alla capacità di progettare e produrre sistemi integrati di arredamento, il cui intero ciclo produttivo dall’arrivo delle materie prime all’imballaggio è gestito internamente.

T030_testata

«Una volta ricevuto -ci racconta Angelo Meroni-, l’ordine viene scomposto e lavorato dal nostro team di esperti dell’ufficio tecnico che, con adeguati supporti tecnologici, mette a punto le informazioni necessarie alla lavorazione, che parte in chiusura di settimana: si attinge il semilavorato dal magazzino, non forato e pronto per essere verniciato, raggruppato a seconda della finitura che deve ricevere e lo si smista alle adeguate linee di preparazione (levigatura manuale o automatica) e verniciatura: linee a rullo con “reverse”, sistemi con essiccazione UV, spruzzatrice con robot o cabine manuali. Ordine per ordine, il prodotto viene poi ridiviso nei reparti, assemblato, forato, personalizzato e imballato, pronto per essere spedito. Il tutto richiede da 3 settimane per i colori opachi, in crescendo a seconda del prodotto (legno, lucido, vetro o pelle), ma comunque con tempistiche sempre molto ristrette».

Esportando in tutto il mondo, specialmente in Asia e negli USA, la richiesta dell’utilizzo di prodotti a basso impatto ambientale è in crescita. Ma già da tempo Lema aveva deciso di affrontare il cambiamento e avviare la ricerca di prodotti all’acqua validi, che conferissero lo stesso risultato ottenuto con i prodotti tradizionali. Da alcuni anni l’azienda si è affidata alle vernici Oece che, grazie alla stretta collaborazione con Claudio Marelli della Ve.Ra Vernici e con il supporto tecnico di Riccardo Giudice e del laboratorio R&S dell’azienda di Pianoro (BO) hanno soddisfatto questa necessità, valorizzando e adeguando al supporto ogni tipo di finitura.

L’assenza del postcombustore testimonia la bassa percentuale di emissioni, per altro rigidamente controllata dagli enti locali.

«In Lema vige la filosofia della diversificazione, modus operandi applicato sostanzialmente più al colore che al prodotto -ci spiega Claudio Marelli: la stessa essenza di legno (rovere, tendenzialmente), deve essere rifinita con tinte sempre diverse, ad effetto naturale, quasi a sembrare non verniciata, ma allo stesso tempo deve essere resistente. Insomma, un lavoro complicato ma che distingue ciò che sanno fare in pochi e che spinge il cliente a scegliere Lema».

«Per vincere la concorrenza siamo sempre alla ricerca di lavorazioni complesse -prosegue Angelo Meroni- che prevedano preferibilmente passaggi manuali e tendenzialmente la verniciatura è la fase più impegnativa ma anche la più importante perché quella che determina l’estetica del prodotto. Non solo, cerchiamo costantemente di realizzare prodotti uguali con cicli differenti: una bella sfida insomma, considerando che oggi gestiamo 40 colori opachi e 25 lucidi».

L’azienda è dotata di una zona dedicata al controllo del prodotto: la minima imprecisione evidenziata da appositi strumenti comporta il rifacimento del lavoro. E anche i fornitori di Lema sono caratterizzati da un denominatore comune che si chiama scrupolosità, soprattutto per ciò che riguarda i prodotti vernicianti: «Prima che un prodotto arrivi in azienda -presegue Claudio Marelli-, deve avere tutti i requisiti necessari, verificabili attraverso test ed esplicitati nella scheda di sicurezza».

La sinergia tra le competenze interne ed esterne all’azienda (designer, architetti e fornitori) è il segreto del successo di Lema: «La ricerca è essenziale e deve avere carattere continuativo -conclude Angelo Meroni. Ad oggi ad esempio, possiamo affermare che la superficie trattata con i prodotti all’acqua è più bella, motivo che ci spinge a sviluppare e a utilizzare sempre di più questo tipo di vernici. Anche per quanto riguarda i metalli, con cui realizziamo prevalentemente la componentistica del mobile, stiamo cercando di sostituire a parità di estetica l’ossidazione anodica con le vernici a “effetto metallo”. Il tutto mantenendo come filo conduttore un’attenzione maniacale al particolare, che ci ha reso famosi: si consideri il ben noto armadio al centimetro.

Conclusioni

«Il nostro cliente pretende un prodotto di elevata qualità – conclude Angelo Meroni. La scelta del mobile avviene anche attraverso la parte sensoriale, toccando con mano la morbidezza della finitura. Per questo motivo siamo molto attenti alla scelta del fornitore, perché in ogni caso dobbiamo usare prodotti che garantiscano determinate caratteristiche tecnologiche, resistenze chimico-fisiche adeguate e riproducibilità. Rimaniamo comunque un’azienda con caratteristiche produttive industriali».

Caratteristiche che sono un valore aggiunto di Oece che, nell’ambito delle vernici, garantisce qualità costante e formulazione di prodotti sempre più prestazionali. La filosofia che guida l’azienda, infatti, è dettata da una grande attenzione nei confronti dell’utilizzatore di prodotti vernicianti; viene ricercato un equilibrio costante tra alta qualità e rispetto dell’ambiente e della salute dell’uomo. L’impegno è mirato a garantire le più alte prestazioni in termini di qualità e innovazione, con il più basso impatto ambientale.

Leave a Reply

*

Translate »