Finiture

Legno “effetto metallo”

By 10 Marzo 2021 Maggio 10th, 2022 No Comments

vernici all’acqua per il miglioramento estetico e funzionale del decking

Finiture

Ravaioli Legnami di Bagnacavallo in provincia di Ravenna, specializzata nella lavorazione del legno per la realizzazione di pavimenti, facciate e rivestimenti esterni di vario tipo, ha scelto di utilizzare prodotti all’acqua per la verniciatura dei suoi manufatti, non solo per il rispetto dell’ambiente e del territorio circostante, ma anche perché sono state verificate, con questi prodotti, prestazioni di eccellenza in termini di estetica e durabilità.

Ne parliamo con Angelo Bagnari, della famiglia proprietaria. In sinergia con ICA di Civitanova Marche, in provincia di Macerata, è stata formulata e messa a punto per Ravaioli una linea innovativa di finiture ad effetto “metallo” che, oltre a migliorare ed innovare l’aspetto estetico del pino, aumenta la resistenza agli agenti atmosferici.

Infatti questi prodotti (Arborea Metal, il nome della linea), usati sia per il decking che per rivestimenti di facciate della linea Cromo Basic, oltre ad essere a basso impatto ambientale, sono caratterizzati da un’elevata resistenza ai raggi UV (per questo motivo le tavole verniciate con questo prodotto vengono utilizzate anche per le facciate) e da un’ottima durezza superficiale, necessaria soprattutto per la pavimentazione, sottoposta al calpestio. L’esclusivo uso del pino scandinavo dalla particolare struttura cellulare, proveniente da coltivazioni europee, per questa linea d’effetto, ha reso necessario il suo trattamento primario in autoclave.

ravaioli04

VERNICI DI TENDENZA

Nelle immagini si può vedere applicata la finitura metallescente nella sfumatura “tortora”, che è un grigio chiaro, molto apprezzata attualmente. Il prodotto è però disponibile in diversi colori. Il valore aggiunto di questa gamma di prodotti sta nel contenuto di pigmenti metallici, che oltre all’effetto “metallo” richiesto, permettono di ottenere una maggiore protezione dai raggi ultravioletti.

«Abbiamo cercato di realizzare, con il partner ICA, vari colori, che non riproducessero le tonalitàstandard opache del pino effetto “rustico” ma che si distinguessero per originalità ed avessero un impatto visivo più marcato. Il bianco, ad esempio – ci spiega Angelo Bagnari, che ci ha fatto da guida nella visita all’azienda – con l’aggiunta dei riflessi metallici, definisce un aspetto pulito e allo stesso tempo moderno».

La linea ICA Arborea Metal comprende sia impregnanti metallescenti, particolarmente indicati per la verniciatura di tavole da esterno cui conferiscono anche un interessante effetto invecchiato, sia finiture metallescenti, entrambi di facile applicazione e in grado di assicurare risultati sorprendenti in termini di impatto innovativo. La finitura di questa gamma di prodotti permette così di seguire le tendenze estetico cromatiche in continua evoluzione tipiche del mondo dell’interior design.

La verniciatura

La Ravaioli ha affidato la verniciatura dei propri manufatti ad un’azienda terzista altamente specializzata: ogni ciclo è dedicato, non esiste un ciclo base, standard. «I prodotti applicati, formulati da ICA – ci spiega Paolo Coda, area manager dell’azienda marchigiana – sono tutti all’acqua, a basso spessore, per garantire la possibilità di effettuare manutenzioni successive e allo stesso tempo escludere sfogliamenti; devono essere protettivi e togliere la capacità del legno di assorbire acqua, sia per quanto riguarda il pavimento che per i listoni posati come rivestimento di facciate, dove può esserci ristagno d’acqua. Tutto il ciclo è applicato automaticamente a spruzzo».

Il ciclo – impregnante, fondo, finitura – viene fatto essiccare a temperatura ambiente. La spazzolatura viene effettuata solo su determinati componenti al fine di ottenere un effetto più naturale, per valorizzare le venature del legno.

Il numero di mani applicate varia a seconda del risultato finale che si vuole ottenere.
Va ancora sottolineato che ogni finitura è personalizzata, in base alla richiesta del cliente, avendo come punto di riferimento l’ampio campionario che fornisce sempre il campione del manufatto da verniciare. Dopo 48 ore di stoccaggio a temperatura ambiente, i prodotti sono pronti per essere imballati.

Conclusioni

«L’interpretazione e l’applicazione dei concetti green – conclude Angelo Bagnari – non conosce limiti nelle aziende determinate a fare impresa senza inquinare. Soprattutto da qualche anno, da quando cioè le vernici a basso impatto ambientale hanno raggiunto prestazioni e qualità di alto livello, addirittura come visto, con la capacità di offrire anche effetti speciali particolari, sono cadute e vanno cadendo le remore che ne hanno condizionato l’utilizzo. È una considerazione importante per il fatto che architetti e designers hanno ora a disposizione prodotti in grado di offrire, oltre che risultati estetici straordinari, la sicurezza necessaria a una buona qualità del vivere».

Leave a Reply

*

Translate »