Colore

Creatività, unicità, personalizzazione per nuovi effetti decorativi

By 14 Ottobre 2021 Ottobre 19th, 2021 No Comments

verniciatura e decorazione di contenitori cilindrici per la cosmetica e per penne

Colore

Il settore della cosmesi è tra quelli più competitivi: per quanto riguarda l’argomento che ci interessa raccontare, cioè l’aspetto decorativo dei contenitori cilindrici – rossetti, mascara, matite per occhi e labbra – è importante che ci sia grande accuratezza, qualità e tantissima creatività.

Da questo punto di vista è molto simile anche il settore delle penne e di altri accessori dove l’aspetto estetico dei prodotti è molto spesso foriero del successo o meno di un prodotto. Se prendiamo invece ad esempio il settore dell’auto, per far fronte alle esigenze di elevata qualità e differenziazione estetica si richiede una non comune specializzazione e una dimestichezza nell’utilizzo di varie tecnologie – oltre alla verniciatura anche serigrafia, tampografia, stampa a caldo e altre tecnologie decorative – che difficilmente si trovano in un unico fornitore. Le aziende che se ne occupano non sono molte e, tra queste, siamo stati a visitare ISI International System Industry, un’azienda super specializzata che si trova a Crescentino, in provincia di Vercelli, alla confluenza della Dora Baltea nel Po, sul territorio anticamente appartenuto all’abbazia benedettina di san Genuario. Una zona a vocazione più agricola che industriale, ma dove la mente creativa di Maurizio Cane, con il supporto commerciale di Marco Lusso, ha trovato il “brodo di coltura” adatto per crescere e svilupparsi.

12

«Il nostro inizio è paragonabile a quello che, si narra, siano state le “start-up” della Silicon Valley: un garage, molta voglia di fare e crescere, qualche idea coraggiosa – esordisce Maurizio Cane. Abbiamo costruito la nostra prima macchina nel garage della cascina dove vivevo con la mia famiglia, e fin dagli esordi abbiamo stretto una forte collaborazione con Lechler (affermata azienda comasca che produce vernici per ogni settore e superficie – metallo, plastica, legno, vetro e, con Chreon, anche architettura e linea decorativa per interni oltre alle special coatings del caso che stiamo raccontando – ndr). Siamo cresciuti anche grazie a Lechler, ai tecnici del laboratorio, tanto che ricordo tutti i codici dei prodotti vernicianti che utilizziamo. Ricordo ancora il codice della prima vernice che utilizzammo, per verniciare delle penne. Lechler ci aiutò a trovare il colore giusto che ci consentì di completare la prima commessa e da quel giorno non ci siamo più fermati. Siamo ora circa 65 addetti, e lavoriamo su due turni».

Soprattutto il mondo della cosmetica – ma anche quello degli accessori per l’auto, in particolare le “cover” delle chiavi della 500 di FCA che sono personalizzate – richiede una nuova “collezione” di colori e decorazioni ogni anno. «Noi proponiamo sempre nuovi effetti ai nostri clienti – ci spiega Marco Lusso – siamo in grado di proporne di nuovi sempre più spettacolari ogni anno. Da questo punto di vista è molto utile lo strumento delle “scatole di cioccolatini” di Lechler con gli esempi applicati ai gusci di plastica: per presentare le collezioni, e ne stiamo presentando una con 8 colori e finiture molto particolari, per un importante gruppo di cosmesi, è uno strumento indispensabile perché si possono vedere meglio gli effetti, oltre ai colori».

Maurizio Cane sostiene infatti che le mazzette colore o i riferimenti tradizionali RAL e NCS oppure Pantone (che sono le mazzette colore più diffuse) non siano utili per presentare ai clienti i campioni: il primo motivo è dato dal fatto che la tendenza prevede più effetti decorativi o grafici che colori.

«In questo – prosegue Marco Lusso – Maurizio Cane è imbattibile. La sua creatività negli anni ha assorbito conoscenze tecniche indispensabili perché il nostro vero valore aggiunto è garantire sempre la riproducibilità degli effetti».

In produzione

Come abbiamo visto, l’azienda piemontese ha nel tempo deciso di avere a disposizione i macchinari necessari per effettuare tutte le lavorazioni decorative utili per poter dare al cliente un servizio completo, compresi il montaggio e l’imballaggio dei pezzi finiti. Questa filiera completa richiede un grande coinvolgimento nel lavoro – «sono sempre disponibile: ho fatto fare una app sullo smartphone che mi rileva lo stato di lavorazione di tutti gli impianti 24 ore su 24», dice Maurizio Cane – ma garantisce un costante controllo della qualità e soprattutto una riduzione dei tempi di consegna, fino a 4 settimane, a seconda della complessità della lavorazione. Un altro vantaggio per il cliente è dato dal fatto che non rimane “aperta” la lavorazione superficiale, cioè non deve rimanere sovraverniciabile anche per 6 mesi, cosa che viene richiesta quando il cliente deve marcare quando necessario.

Il mantenere il ciclo “aperto” lascia la superficie verniciata più delicata rispetto alla soluzione finita.

Richiede anche competenza di verniciatura e decorazione su molti materiali diversi: vetro, metallo e diversi tipi di plastiche, ad esempio ABS, usato per penne, accessori auto e il tubetto per il rossetto, PVC, PET e polipropilene per altri contenitori della cosmetica.

Nel vasto archivio di finiture e decorazioni vediamo anche delle cromature. Chiediamo se questo tipo di “colore” sia molto richiesto dal settore. Maurizio Cane ci risponde: «Non utilizziamo sistemi come il PVD per metallizzare le superfici ma sempre le vernici. Questo perché insieme a Lechler valorizziamo l’aspetto evocativo dei metalli. Le materie prime utilizzate da Lechler nelle finiture metallizzate sono molto simili alla cromatura opaca. Le loro paste, in assenza di grana, hanno un’ottima resa e ci consentono di proporre cose particolari».

Conclusioni

«Dobbiamo dire che il rapporto che abbiamo con i tecnici di Lechler è unico – conclude Maurizio Cane -: conoscono il nostro lavoro e la nostra necessità di essere sempre all’avanguardia per poter vincere le commesse anche di grandi e conosciuti marchi. Campionare velocemente e creare effetti sempre nuovi è molto importante perché se le case cosmetiche omologano un nostro campione, quel contenitore dovrà essere prodotto così, in tutto il mondo. Per questo motivo Lechler ci assiste da quando compriamo le nuove paste che formulano che noi successivamente dobbiamo personalizzare, miscelando i colori e utilizzando nel modo corretto i leganti. Un esempio sono i nuovi effetti che stiamo presentando in questi giorni, che fanno parte della collezione Natale 2019: l’effetto “cielo stellato” ha una base sulla quale vengono messe in evidenza dei punti di luce di due colori (vedi foto in apertura)».

Leave a Reply

*

Translate »